Benvenuto

25.05.2018

Comunicato stampa
Nella sua seduta odierna la Commissione di vigilanza LIA ha esaminato la risoluzione del Consiglio di Stato del 23 maggio 2018. La CV LIA considera che con la sua presa di posizione il CdS impedisce di fatto l’operatività della medesima. Pertanto, nell’ottica di non pregiudicare future decisioni, ha deciso di sospendere le proprie attività tenuto conto che:
-     Il futuro della legge attualmente in vigore è subordinato alle decisioni del Gran Consiglio;
-     Esistono valide proposte alternative elaborate dall’apposito gruppo di lavoro misto
      (UAE-Sindacati-Rappresentanti politici);
-     Sono pendenti tre ricorsi al Tribunale Federale relativi alla vertenza Comco, di conseguenza alle imprese svizzere con sede extracantonale non viene per il momento chiesta l'iscrizione all'albo.
La CV LIA ritiene con questa sua decisione di dimostrare senso di responsabilità, rispetto delle istituzioni e rispetto nei confronti della stragrande maggioranza di aziende che credono nella LIA e la sostengono.
Per quanto attiene alla struttura operativa, unitamente all’UAE (Unione associazioni dell’edilizia) saranno intrapresi i passi necessari per il suo ridimensionamento, nei tempi e nei modi necessari, prestando particolare attenzione alle problematiche legate alla gestione delle risorse umane. Su questo tema auspica che le promesse formulate dal CdS nel messaggio al Gran Consiglio trovino sostegno concreto.
Per la Commissione di vigilanza LIA
Renzo Ambrosetti, Presidente
Piergiorgio Rossi

**********************************************************************************************************************

La Legge sulle imprese artigianali (LIA) disciplina l’attività di tali imprese sul territorio del Cantone Ticino. Gli obiettivi della LIA sono:

- favorire la qualità dei lavori delle imprese artigianali che operano sul territorio cantonale;
- migliorare la sicurezza dei lavoratori;
- prevenire gli abusi nell’esercizio della concorrenza;
- istituire un Albo delle imprese artigianali.

Sono tenute a iscriversi all'Albo LIA le imprese artigianali che eseguono sul territorio cantonale lavori artigianali nei settori professionali indicati dal Consiglio di Stato mediante Regolamento (RLIA).
L’iscrizione è subordinata all’esistenza di determinati requisiti professionali e personali che il titolare o membro dirigente effettivo dovrà comprovare.

La Commissione di vigilanza LIA è l’organo preposto alla sorveglianza del rispetto della Legge sulle imprese artigianali (LIA).
Le domande di iscrizione all'Albo LIA devono essere presentate tramite l’apposito modulo Online. Si prega di leggere attentamente le Linee guida prima di iniziare la compilazione del modulo Online.